logo_ravelli
Scarica i documenti correlati in
formato pdf

Caratteristiche
e vantaggi

 

Resistente, resiliente e duratura:

resiste alle sollecitazioni cicliche (masticazione) e meccaniche (spazzolamento)

 

Insolubile nei fluidi orali:

eccezionale sigillo marginale, nessuna microinfiltrazione

 

Autoadesiva:

non sono normalmente richiesti primers o adesivi

 

A rilascio di ioni di fluoro:

effetto inibitorio su carie secondarie

 

3Class V

Resina Composita per Restauri Cervicali
• A Rilascio di Fluoro
• Idrofilica

 

Le lesioni cervicali

Le lesioni del terzo cervicale, o V classi, possono avere origini e sviluppi molto differenti tra loro: innanzitutto, possiamo distinguere le lesioni tra quelle ad eziologia cariosa e non cariosa. La demineralizzazione dei tessuti duri del dente ad opera degli agenti patogeni presenti nel cavo orale in determinate condizioni, che è all’origine delle lesioni cariose, è stata ampiamente studiata e dimostrata. Le lesioni non cariose, invece, presentano delle caratteristiche completamente diverse dalle prime e possono essere classificate in tre differenti gruppi:

  • Abrasioni causate da uno scorretto spazzolamento.
  • Erosioni di natura chimica causate da un aumento dell’acidità nel cavo orale a seguito dell’assunzione di cibi o medicinali.
  • Lesioni d’origine disfunzionale causate da bruxismo, precontatti occlusali e serramento protratto che generano microfratture dello smalto a livello cervicale (abfractions).

1Abfractions

I restauri di V classi

Le V classi si presentano come situazioni problematiche per paziente e dentista. A causa di queste lesioni, il paziente manifesta spesso sensibilità e dolori difficilmente eliminabili nel lungo periodo a causa della flessione del dente nell’area cervicale che rappresenta una via di accesso alle microinfiltrazioni. Inoltre, altri fattori devono essere considerati nel trattamento di lesioni cervicali: questi includono la dimensione e la sede della lesione, l’accesso per la rifinitura e la lucidatura del restauro, lo stato della superficie del dente e le condizioni dei tessuti quali recessioni gengivali o periodontiti. Le aspettative del paziente ed eventuali abitudini parafunzionali, come il bruxismo, devono anch’essi essere presi in considerazione. Le sfide che si presentano al professionista includono, quindi, la necessità di una preparazione ritentiva, il bisogno di creare una superficie idonea all’adesione e di garantire una buona lucidatura e sigillatura dei margini.

La soluzione del problema: EMBRACE™ Class V

EMBRACE™ Class V è la prima resina specificatamente formulata per restauri cervicali; utilizzata in abbinamento ad EMBRACE™ Seal-n-Shine costituisce una barriera efficace contro le microinfiltrazioni. Questi prodotti presentano un’adesione chimica, e non solo meccanica, alla struttura dentale e sono inoltre resilienti per meglio sopportare gli stress associati alle aree cervicali.

2 Microfotografia di un dente restaurato con un composito fluido, applicato con un adesivo dentinale automordenzante, e sigillato con un sigillante/glaze per compositi. Si può notare un’eccessiva infiltrazione ai margini. 3 Microfotografia di un dente restaurato con EMBRACE™ Class V e sigillato con EMBRACE™ Seal-n-Shine senza utilizzare adesivi.
E’ chiaramente visibile la perfetta sigillatura ai margini.

Class V forma un legame chimico e micromeccanico con la struttura dentale: l’utilizzo d’adesivi è richiesto solo in particolari circostanze. Non è necessario mordenzare la dentina, ma è indicata la mordenzatura dello smalto. La mordenzatura del cemento è consigliabile.
Class V aderisce alle superfici leggermente umide, caratteristica molto vantaggiosa nei restauri delle aree cervicali dove è spesso difficoltoso ottenere un perfetto isolamento dall’umidità.
Class V è microriempito al 65% in peso. Dopo la fotopolimerizzazione, il prodotto è impermeabile all’acqua.
Class V, disponibile nelle tonalità A2, A3.5, B2 e D2, è fotopolimerizzabile a rilascio di fluoro e possiede delle caratteristiche di traslucenza che gli conferiscono un’eccellente estetica.

Procedura clinica

4
Situazione iniziale con lesioni cervicali su primo e secondo premolare superiori sinistri.
5
Preparazione di una cavità ritentiva per V classi.
6
Mordenzatura con acido ortofosforico.
7
Applicazione di Class V sulla superficie del dente risciacquata e lasciata leggermente umida.
9
Rifinitura del restauro.
9
Applicazione di Seal-n-Shine.
10
I restauri appaiono lucidi e completamente prividi margini senza la necessità di operare una lucidatura tradizionale con strumenti abrasivi.
 

Confezioni

7
Codice Descrizione
E5000 Kit: 4 x 2.5 gr. siringhe (A2, A3.5, B2, D2) + 1 x 1.2 ml. siringa Seal-n-Shine + accessori
E5100 Ricambio A2: 1 x 2.5 gr. siringa + 10 puntali
E5200 Ricambio A3.5: 1 x 2.5 gr. siringa + 10 puntali
E5300 Ricambio B2: 1 x 2.5 gr. siringa + 10 puntali
E5400 Ricambio D2: 1 x 2.5 gr. siringa + 10 puntali

 

Caratteristiche fisiche
Colori: A2, A3.5, B2, D2
Resistenza alla compressione: 38100 (±1700) p.s.i. - 260 (±10) Mpa
Resistenza alla tensione diametrale: 8650 (±670) p.s.i. - 60 (±5) Mpa
Percentuale di riempitivo in peso: 65%
Percentuale di solubilità: 0.1%
Spessore del film: 18 micron
9